Version 5.04.15

4K, the evolution of Television

The prospects for a new way of watching TV

Active project

La televisione che cambia, con televisori sempre più evoluti e segnali trasmessi sempre più complessi. Il tutto si traduce per l’utente in una sempre migliore e coinvolgente esperienza di visione. In questi anni, gli sforzi dei broadcaster si sono concentranti su come innalzare la qualità tecnica delle immagini nella direzione dell’Ultra HD mentre assistiamo all’incremento dell’offerta HD. A confermarlo, il recente passaggio in alta definizione di tutti i canali Rai sulla piattaforma satellitare Tivusat e quattro canali HD sul digitale terrestre.

Il 4K (o Ultra High Definition) è uno standard nato per la televisione e il cinema. Il nome deriva dal fato che la risoluzione orizzontale è di circa quattromila pixel, rispetto ai due mila della televisione HD: 3840×2160 50p (50 frame al secondo). E’ adottato anche nell’industria cinematografica dove si assistite alla progressiva sostituzione dei proiettori analogici con quelli digitali.

Si tratta di un segnale quattro volte più denso dell’HD, con un data rate non compresso di 12 Giga Bit al secondo (12 miliardi di informazioni elementari al secondo) rispetto agli 3 Gb/s dell’HD (1080p). Nel mondo della trasmissione broadcast il sistema di trasmissione è interlacciato (1080i) con un data rate di 1,5 Gb/s e questo porta il rapporto ad 8 volte. Risulta pertanto evidente la difficoltà di gestire agevolmente questo tipo di segnale, sia nell’ambito dei centri di produzione che per la trasmissione.

La specifica di riferimento per il 4k è la raccomandazione ITU BT.2020: essa definisce lo standard per il formato Ultra-High Definition relativamente a risoluzione, frame rate, chroma subsampling e spazio colore.

La Rai dal giugno 2016 in occasione degli Europei di Calcio di Francia 2016, in collaborazione con Eutelsat e con il supporto del Centro Ricerche della RAI, ha iniziato ad effettuare alcune trasmissioni sperimentali in 4K via satellite. Si è proseguito con la trasmissione in quattro serate degli otto episodi della serie ‘I Medici’ e con gli speciali ‘Stanotte a …’ con Alberto Angela. I possessori di tv 4K hanno potuto apprezzare la qualità superiore rispetto all’attuale HD.

Attualmente ci si interroga su quali siano i formati di ripresa più utili a bilanciare il rapporto costi/coinvolgimento degli spettatori, anche perché l’aumento della risoluzione è percepibile solo da una distanza minore a parità di dimensione dello schermo; pertanto la fruizione migliore del 4K si ha avvicinandosi allo schermo oppure, seguendo la spinta del mercato consumer, acquistando pannelli molto più grandi della media.

Dalle sperimentazioni operate al Centro Ricerche e anche in altri ambiti è emerso che probabilmente la strategia vincente per il coinvolgimento dell’utente a casa non sia unicamente quella di aumentare il numero dei pixel quanto la qualità del singolo pixel, anche in seguito all’evoluzione tecnologica dei televisori peraltro già disponibili sul mercato. Questo è il motivo per cui si sta approfondendo la nuova tecnologia chiamata HDR, acronimo di High Dynamic Range, l’estensione della dinamica dell’immagine che consente di percepire più gradazioni tra i livelli più chiari (i cosiddetti highlights: riflessi, luci nello stadio, luci delle automobili…) e quelli scuri e neri, oggetto di un articolo separato.

Related Projects

Active project

High Dynamic Range

The evolution of television signal: same definition, best pixels

The High Dynamic Range allows a significantly improved image. The pixels that compose the image are high quality compared to the current pixels, with more information content. The signal reproduced on the new HDR screens is more dynamic and therefore with a much higher brightness, as well as with a superior detail perception.

Active project

Testing a Sony IP Live production chain

A Sony UHD production chain consisting of cameras, video mixers, video signal processors and control panels is currently under construction at CRIT.

Devices interconnect either with legacy interfaces (4 x 3G-SDI) on coaxial cables, or using IP networks and Networked Media Interface (NMI) protocols, as defined by Sony IP Live platform.

Tests will be conducted in collaboration with RAI Production and ICT Divisions, providing, after a first phase of laboratory testing at CRIT, interconnection of two corporate sites through the IP Rai network.

Active project

Beyond HDTV

Rai, and in particular the Research Centre, has always contributed to the testing and standardization of new technologies to ensure improved image quality and greater involvement of the viewer in the scene.